top of page

A Terni la violoncellista cubana Ana Carla Maza

Actualizado: hace 6 días

Ad aprile tappa in città per la stagione di Visioninmusica del tour italiano dell'artista con l'album Caribe


Dopo il successo internazionale ottenuto dai suoi precedenti lavori discografici da solista - La Flor e Bahia - la giovane violoncellista e cantante cubana Ana Carla Maza presenta in Italia il tour del suo ultimo album Caribe, terza produzione in studio, e prima non da solista, che mira a trasmettere suoni, ritmi e melodie attinenti alle sue radici latino-americane.


Nei concerti, che toccheranno a partire dalla primavera ben cinque regioni italiane, l'artista si esibirà in quartetto o duo, a seconda dei contesti, per ridare nuovi colori e costruire delle memorie felici della sua infanzia alla fine degli anni Novanta, nell'e-

suberanza selvaggia dell'Avana descritta dal film sui Buena Vista Social Club, intrisa di boleri e cha cha cha.


Il tour partirà da Bergamo il 24 marzo (Bergamo Jazz.) per approdare a Milano in un doppio concerto il 4 a-prile al Blue Note, proseguire a Terni, nell'ambito di Vi-sioninmusica il 5 aprile, per giungere a Roma all'Auditorium Parco della Musica

"Ennio Morricone" il 6 aprile e continuare a Ravenna, il 5 maggio al Crossroads fe-

stival, a Verona il 23 giugno a Verona jazz e concludersi a Fano, il 24 luglio, al Fano Jazz Festival. Eventuali altre date saranno comunicate in corso d'opera.


Concepito, scritto e registrato 'on the road', su un volo per il Messico, sulle sponde del lago Annecy, da un castello in Portogallo - un metodo creativo perfetto e prevedibile che si combina molto bene con l'energia fulminea e l'irrequieta filosolia per la vita e per la musica - Caribe rappresenta un ritorno alle descargas (jam) cubane degli anni

Cinquanta con abbondanti e gioiose deviazioni verso le rumbas dei Caraibi, il tango dell'Argentina e flirt con la samba e il jazz bossa nova del Brasile.


L'album è anche frutto di una sua autoproduzione: a soli 28 anni la giovane, talentuosa e bellissima artista è diventata infatti anche un'imprenditrice della musica che maggiormente ama, fondando la ACM, una sua personale etichetta discografica.




Articolo Pubblicato da Corriere dell'Umbria 29/02/2024

12 visualizaciones0 comentarios

Comentarios


bottom of page